fbpx

Quanti di noi, ora che le giornate iniziano ad allungarsi e intiepidirsi e l’abbigliamento si fa più leggero, partono alla ricerca della formula magica per dimagrire, sentirsi pieni di energia per godere appieno della bella stagione, limitando il più possibile le rinunce?

Tante volte vi ho parlato della cucina naturale che si ispira ai principi della macrobiotica secondo me soluzione ideale per perdere peso, ritrovare energia e lucidità mentale, favorire la crescita spirituale, rispettare il pianeta e gli altri essere viventi e – diciamolo sotto voce – risolvere anche disturbi e problemi di salute.

Oggi, quindi, vorrei condividere perché, secondo me, alcune diete tra quelle più in voga sono proprio da evitare:

  • Sono sempre in qualche modo squilibrate e si possono seguire solo per un periodo di tempo limitato, portandosi dietro, nel lungo termine, possibili problemi a livello di salute in generale;
  • Promettono risultati veloci ma, ahimè, non duraturi, come dimostra il tanto temuto effetto yo-yo: in poche parole, una volta terminata la dieta, si riprende tutto quello che si è perso, spesso con tanto di interessi!
  • La perdita di peso è spesso legata a un incremento dell’introito proteico, nella maggior parte dei casi di origine animale, con un aumento dell’acidità (che viene compensata da un impoverimento soprattutto in termini di sali minerali, leggi prelievo di calcio dalle ossa), un affaticamento dell’intestino e la produzione di sostanze tossiche che il nostro organismo deve poi smaltire, gravando inutilmente sui nostri “filtri” (reni e fegato);
  • Partendo da una visione che si basa esclusivamente sulla chimica, si accaniscono contro i carboidrati senza distinzione di sorta, mentre c’è un’enorme differenza tra consumare un cereale integrale in chicco, un cereale raffinato, una farina o dello zucchero;
  • Spesso propongono integratori e pasticci vari come sostitutivi del pasto, che danno un momentaneo senso di sazietà, ma non forniscono alcun nutrimento nel vero senso del termine… sono calorie “vuote”!
  • Allontanandosi dal cibo vero, ci fanno allontanare anche dalla cucina, facendoci dimenticare che cucinare è un modo per amare e prenderci cura di noi stessi e delle persone che ci stanno a cuore, è un’occasione per creare convivialità e nutrire i rapporti umani;
  • Ma forse la conseguenza più grave è che ci sollevano da ogni responsabilità per quanto riguarda la nostra salute e il nostro benessere, delegando ad altri scelte che invece ci riguardano personalmente.  

Nelle prossime settimane cercherò di analizzare alcune tra le diete più in voga e vedere perché, dal mio punto di vista, non sono così valide come spesso ci vogliono far credere. Stay tuned!