fbpx

Sì, sì, lo so che il proverbio non recita proprio così, ma credo proprio che anche le zuppe ne meriterebbero uno tutto per loro.

La zuppa è un piatto unico e inimitabile che scalda il corpo (ricordiamoci di partire con un bel soffritto che aiuta a portare calore in profondità e di farla cuocere a lungo), ma anche il cuore e la mente, ideale anche per contrastare problemi di raffreddamento e/o influenza. Un piatto tradizionale che, pur declinato in funzione del clima e delle abitudini locali, è presente in tutte le culture.

Un piatto per tutte le stagioni, perché oltre alle classiche zuppe e minestre invernali calde e fumanti, ne esistono tantissime da degustare fredde o a temperatura ambiente, magari con l’aggiunta di frutta o spezie, ideali per la stagione più calda.

Il modo migliore per preparare l’apparato digerente a ricevere il resto del pasto, stimolare la digestione, ma anche rilassare e armonizzare il tratto digerente nel suo insieme e i singoli organi che lo compongono (stomaco, pancreas, ma anche fegato e cistifellea).

La soluzione per creare un piatto completo all’ultimo momento, aggiungendo un cereale e un legume già cotti (se si tratta di un’emergenza, va bene anche un legume in scatola!), anche se poi sarebbe bene aggiungere sempre almeno una verdura preparata con uno stile di cottura più “yin”.

I tipi di zuppe

Esistono fondamentalmente due tipi di zuppa:

  • Zuppe brodose e saporite, che in genere stimolano l’appetito e la digestione (ad esempio la zuppa di miso e la zuppa di shoyu);
  • Zuppe cremose e dolci, più indicate per rilassare l’apparato digerente e gli organi che lo compongono, con un effetto calmante e di coccola (a questo proposito, ricordiamoci che per avere una zuppa cremosa non esistono solo la patata o l’amido: si possono ottenere zuppe cremose anche aggiungendo acqua a filo in modo da coprire appena le verdure, facendole cuocere a lungo parzialmente scoperte per far evaporare l’acqua in eccesso, frullando una parte delle verdure o aggiungendo dei cereali o legumi frullati che conferiscano cremosità).

Zuppa soluzione perfetta

Una zuppa, che sia sotto forma di minestra, vellutata o minestrone, è la soluzione ideale per:

  • Far mangiare le verdure anche a chi non le ama, magari camuffandone il sapore grazie all’uso di erbe e spezie e l’aggiunta di qualche altro ingrediente;
  • Creare piatti sempre nuovi che vanno ben oltre la mera somma degli ingredienti che li compongono;
  • Recuperare gli scarti delle verdure che magari abbiamo usato per un altro piatto (gambi, foglie, parti meno “nobili”);
  • Dare una degna collocazione a verdure che hanno stazionato un po’ troppo in frigorifero e rischierebbero di finire nella spazzatura;
  • Aiutare a perdere peso: la consistenza liquida e il fatto di consumarle lentamente perché calde ci danno il tempo di attivare il senso di sazietà.

Una buona abitudine sarebbe quella di includere una zuppa o minestra in uno dei pasti della giornata; non serve berne tantissima, ne basta una ciotola.

Infine un breve accenno alle zuppe già pronte: se di buona qualità, possibilmente biologiche, preparate con gli stessi ingredienti che usereste anche voi a casa, possono essere una soluzione in caso di emergenza.

Buona zuppa a tutti!